Home > News > Apple Music mette la freccia negli USA e supera Spotify per numero di abbonati

Apple Music mette la freccia negli USA e supera Spotify per numero di abbonati

Secondo un nuovo rapporto pubblicato da Digital Music, Apple Music ha recentemente superato Spotify negli Stati Uniti.

Basata su un rapporto anonimo di un insider insoddisfacente, la notizia indica che il servizio di streaming musicale di Apple non solo sta attualmente godendo di più abbonati paganti rispetto a quelli gratuiti di Spotify, ma ha effettivamente preso il primo posto tra tutti i servizi di streaming musicale on-demand negli USA.

Tidal, Pandora, Sirius XM e il già citato Spotify sono tra i rivali più importanti di Apple Music nel settore, se il report è corretto, ora sono dietro sul fronte delle entrate.

Il rapporto anonimo ha rivelato che sia Spotify che Apple Music godono di circa 20 milioni di ascoltatori negli Stati Uniti, con Apple Music a quanto pare leggermente in testa. Questo sorpasso non sembra essere sorprendente – numerosi rapporti negli ultimi mesi hanno rilevato l’accelerata crescita di Apple Music a favore di Spotify, che logicamente ha portato il colosso di Cupertino a detronizzare il servizio di streaming svedese.

A livello globale, tuttavia, Spotify è ancora in testa con oltre 160 milioni di abbonati. 70 milioni di questi utenti hanno sottoscritto un abbonamento a Spotify Premium, mentre gli altri utilizzano la versione gratuita del servizio supportata da pubblicità. Nel frattempo, il servizio di Apple ha circa 45 milioni di abbonati in tutto il mondo, tutti a pagamento, in quanto il servizio non ha una proposta gratuita. É bene precisare che gli utenti che hanno usufruito della prova gratuita di tre mesi di Apple Music non sono stati inclusi nel suddetto conteggio.

Per quanto riguarda il coinvolgimento degli utenti, un’intrigante serie di dati rivela che il popolare album dei rapper Drake, Scropion, è stato trasmesso in streaming oltre 170 milioni di volte su Apple Music e circa 130 milioni di volte sul rivale Spotify.

VIA  FONTE