Home > News > Samsung Pay sbarca in Italia: tecnologia di pagamenti sicura via smartphone

Samsung Pay sbarca in Italia: tecnologia di pagamenti sicura via smartphone

samsung pay

Il mondo dei pagamenti digitali si affida per la maggior parte alle carte di credito e di debito che, indipendentemente dalla tipologia, si basano tutte sulla medesima tecnologia con il chip. I principali produttori di smartphone stanno cercando di cambiare le abitudini e, dopo Apple che ha portato il suo Apple Pay qui da noi, è il turno di Samsung e del suo Samsung Pay.

Samsung Pay è un sistema di pagamento via smartphone o smartwatch che consente, a coloro che hanno un dispositivo compatibile, di effettuare pagamenti in tutti gli esercizi commerciali che accettano pagamenti con carta.

Di fatto, grazie alla sua compatibilità sia con la tecnologia NFC (Near Field Communication) che la tecnologia  MST (Magnetic Secure Transmission), permette pagamenti sia nei POS più moderni che accettano pagamenti contactless che in quelli più vecchi (Apple Pay funziona solo tramite NFC).

Per utilizzare Samsung Pay è necessario avere uno smartphone o uno smartwatch Samsung compatibile (per ora: Galaxy Note 8, S8 e S8+, A8, S7 e S7 edge, Galaxy A5 2016-2017, S9 ed S9+, Gear S3 Frontier, Gear S3 Classic, Gear Sport) e una carta di pagamento appartenente ai circuiti bancari abilitati: Banca Mediolanum, BNL, CheBanca!, Hello Bank!, Intesa Sanpaolo, Nexi e Unicredit.

Come pagare con Samsung Pay

La sicurezza delle transazioni e dei dati della nostra carta avviene grazie ai seguenti step:

  • l’identificazione tramite impronta digitale, scansione dell’iride o PIN
  • la tokenizzazione dei dati della carta di pagamento che, in questo modo, non compaiono mai nelle transazioni né vengono memorizzati sul dispositivo
  • la protezione dei dati tramite la piattaforma di sicurezza Samsung Knox integrata

Il funzionamento è veramente semplice. Basta infatti aprire l’app (doppio tap sul tasto fisico centrale o sul tasto di accensione e spegnimento), selezionare la carta con cui pagare (dopo averla aggiunta in precedenza), autenticarsi e avvicinare lo smartphone al POS.

VIA  FONTE