Home > Android > Il sensore di impronte sotto il display debutterà solo con il Samsung Galaxy Note 9

Il sensore di impronte sotto il display debutterà solo con il Samsung Galaxy Note 9

Fra le tecnologie allo stesso tempo più vicine e più lontane dall’arrivare nel mondo degli smartphone troviamo l’implementazione del sensore di impronte digitali al di sotto del display. Nonostante la tecnologia in se è già pronta e dà ottimi riscontri, la difficoltà nelle linee produttive di tutte le aziende l’hanno fatta slittare di un po’. A tal proposito, vi segnaliamo un report stilato da KGI Securities che indica l’esordio di questa tecnologia, almeno per quanto riguarda Samsung, solo con il Samsung Galaxy Note 9.

Praticamente ci troviamo a distanza di un anno dall’esordio del sensore di impronte sotto il display. Il report indica che le difficoltà nella produzione in alti volumi di smartphone con il sensore di impronte al di sotto del display è la principale causa e che, nonostante i grandi investimenti fatti da Samsung, non si riuscirà a ottimizzare ulteriormente la linea produttiva in tempo per il Samsung Galaxy S9 e S9 Plus.

Sharp ha la tecnologia che servirebbe a Samsung?

Sappiamo già che Sharp è riuscita nell’intento di integrare il sensore al di sotto del display dello Sharp Aquos S2. Tuttavia, nel caso del colosso giapponese di parla di numeri di produzione decisamente inferiori rispetto a Samsung, per cui l’elevato numero di scarti non è un problema.

Per via di queste difficoltà inoltre, è possibile che Samsung decida di affidarsi all’azienda Egis e non più a Synaptic, fornitore da diversi anni dei sensori di impronte digitali dei vari Samsung Galaxy.

VIA